LINGUE

Tedesco – Italiano
Inglese – Italiano

Tutto qua?!?
Partiamo da un presupposto: per tradurre è necessario avere delle ottime basi grammaticali, saper giocare con le parole, riconoscere le diverse sfumature di un significato. È già difficile farlo con il proprio idioma, figuriamoci con gli altri.
Essendo fermamente convinta che, a parte qualche rara eccezione, si possa tradurre a buoni livelli soltanto nella propria lingua madre, lo stupore e la delusione di coloro a cui confesso di non tradurre verso l’inglese e il tedesco riescono sempre a strapparmi un sorriso. Credo che la parola “traduzione” venga associata automaticamente al multilinguismo, alla padronanza impeccabile di mille idiomi, senza tenere da conto che soltanto una persona di madrelingua o residente da tempo in un paese straniero è in grado di cogliere le sfumature del vocabolario e l’evoluzione lessicale. È per questo che invito sempre a diffidare di chi traduce verso una o più lingue straniere. Ed è per questo che, nonostante io sia bilingue, evito di tradurre anche in tedesco, a meno che non si tratti di testi generici, poi comunque rivisti da un secondo professionista in grado di colmare le lacune di un individuo che, come me, non vive la lingua sul posto.